Swing italiano con influenze american folk, suonato in strada, in periferia, in luoghi non convenzionali, per dare un senso a spazi urbani vissuti come “non-luoghi”. Questo sabato sul palco del Buh i Piaceri Proletari presentano Giungle su Giungle, il loro ultimo disco uscito lo scorso 17 gennaio.

Piaceri Proletari

Sabato 27 gennaio alle 22.30

“Swing raccattato” con influenze folk e nu-folk, condito con una buona dose di veracità. È l’identikit dei Piaceri Proletari, sabato 27 gennaio sul palco del BUH per presentare Giungle su Giungle, il loro ultimo album (inizio ore 22:30 Ingresso libero con tessera ARCI).

Un lavoro in cui lo swing attinge a piene mani dalla canzone cantautorale italiana. In Giungle su Giungle si incontrano Enzo Jannacci, Modugno o Fred Buscaglione e li si immagina in una moderna “giungla” metropolitana duettare accompagnati dall’orchestra di Count Basie. In un momento in cui il pop italico pecca in banalità e/o snobismo, Matteo Torretti (voce, chitarra, ukulele, lap steel guitar) e Giulio Bracaloni (voce,chitarra, fisarmonica,harmonium) ci ricordano con eleganza le nostre radici. Leggeri e taglienti, i Piaceri Proletari fanno propria una tradizione e ce la restituiscono in versione 2.0, facendoci canticchiare delle quotidiane disgrazie ( “Giungle su Giungle”, “I Perdenti”, “Natale alla televisione”), di giungle esistenziali che sembrano interminabili e tremendamente bestiali ma alle quali non vogliamo sottrarci.

Il gruppo dei Piaceri Proletari nasce tra i vicoli della Firenze popolare, quella lontana dai selfie e dalle gite organizzate. Il suo swing raccattato, l’ingestibile anima popolare e l’incoscienza verso il presente trova casa nei non-luoghi, in quei posti che tutti frequentiamo ma che evitiamo di guardare realmente. Così la formazione si fa conoscere a Firenze per le improbabili location dei suoi concerti e per la voglia che ha di riportare la musica tra le mani della gente, cambiando la vita di tutti i giorni. Lavanderie a gettoni, tramvie, piazze e periferie sono i luoghi in cui regalano i loro brani al passante ed al cittadino distratto. Grazie a questo sguardo sul presente incidono nei solchi amori, delusioni e storie di ogni giorno, con il linguaggio dello swing, del folk e della canzone d’autore italiana. Forse proprio per questa attenzione ai Non-luoghi e al bello che si nasconde lontano dai riflettori, la musica dei Piaceri Proletari riesce a far rivivere le atmosfere di un’Italia che fu e, perchè no, che può ancora essere.

Corner Food

Una bella novità per quanto riguarda il cibo. Sarà infatti attivo un corner food dove poter mangiare cose buone in modo semplice e veloce: sandwiches, torte salate, taglieri e i dolci fatti in casa da noi. Il servizio sarà attivo durante tutta la serata e non sarà necessaria la prenotazione.

BUH! CIRCOLO CULTURALE URBANO

Via Panciatichi 16 – Firenze, Ingresso riservato soci Arci
(alcuni eventi possono prevedere un contributo alle attività culturali)
Pre-adesione su https://portale.arci.it/preadesione/lascenamuta/)

CONCERTI, DJ SET, CORNER FOOD,  INCONTRI, PRESENTAZIONI