La giornata di co-design di sabato 19 gennaio si iscrive all’interno di un programma più ampio, promosso da Impact Hub FlorenceIridra e CodesignToscana. Resistenza al cambiamento climatico tramite infrastrutture verdi e blu e apprendimento attivo per la cittadinanza. Questi sono i temi su cui si articolerà il workshop di co-design di Start-Park, progetto di parchi urbani diffusi che permettano di azionare la resilienza cittadina, casalinga, urbana e digitale. Un’idea nata durante la Climathon 2017, promossa da greenApes, per dare risposta alla seguente domanda: come possiamo stimolare le persone ad avere consapevolezza del cambiamento climatico e trasformarla in azioni resilienti?

L’obiettivo finale è quello di arrivare a un progetto capace di aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici della città non solo per mezzo di investimenti in infrastrutture verdi, ma creando una comunità di cittadini resilienti nella vita di tutti i giorni, effettuando un’operazione di iterazione collaborativa sul progetto Start Park.

E l’evento ha ricevuto ampio consenso, come dimostra la partecipazione di oltre 60 persone che hanno inviato la propria candidatura. La selezione, basata su criteri trasversali tenendo conto di competenze, motivazione, attitudine alla collaborazione, e nel rispetto del principio di multidisciplinarità dei singoli tavoli, ha portato alla costituzione di un pool di co-designers di oltre 30 persone tra professionisti, volontari, studenti, ricercatori, imprenditori. Oltre al supporto tecnico di Iridra e la facilitazione di CodesignToscana, in ogni tavolo saranno presenti figure esperte con competenze di settore negli ambiti che vanno dalla progettazione architettonica, urbana e settore energetico all’associazionismo e cooperazione nel terzo settore; dall’economia e management, marketing e policy making alla comunicazione, social media management e UX experience

Programma della giornata di Start Park

La giornata si propone come un momento sperimentale e collaborativo, al fine di riflettere, esplorare e co-progettare soluzioni e scenari rispetto al tema sempre più urgente del cambiamento climatico. Lo scopo è quello di presentare la proposta alle istituzioni, all’amministrazione comunale, di creare una comunità proattiva e un network co-progettuale attento al tema, supportato da materiale progettuale che consenta di scalare e replicare il format.
Qui il programma previsto per sabato 19 gennaio:
09:30 – 09:50 Registrazione.
10:00 – 10:30 Introduzione e presentazione del concept Start Park.
10:30 – 10:45 Formazione dei tavoli di lavoro e assegnazione dei ruoli.
10:45 – 11:00 Briefing sull’obiettivo operativo del singolo tavolo.
11:00 – 12:45 1° Fase di sviluppo.
12:45 – 13:00 Confronto e allineamento.
13:00 – 14:00 Pranzo [stiamo attivando delle gustose convenzioni].
14:00 – 16:00 2° Fase di sviluppo.
16:15 – 16:30 Confronto e allineamento.
16:30 – 17:45 3° Fase di sviluppo.
17:45 – 18:30 Pitch – presentazione risultati tavoli di lavoro
18:30 – 19:00 Raccolta contatti e adesioni per proposta progettuale condivisa.
I partecipanti avranno modo di sperimentare approcci, strumenti design-based (Design Thinking, Human-Centred Design, Service Design) e facilitazione progettati da veri esperti del settore, ampliare il proprio network grazie alla contaminazione con altre competenze del territorio, essere parte attiva ed operativa dello sviluppo di un progetto collaborativo – dalla proposta progettuale condivisa all’amministrazione, alla rifinitura, alla ricerca di finanziamenti e/o ulteriore iterazione seguendo una logica open-source.
Gli output della giornata saranno successivamente condivisi con tutti i partecipanti presenti alla giornata e rilasciati secondo una licenza Creative Commons che, nello specifico, sarà oggetto del processo di co-progettazione. Non ultimo, l’auspicio di creare le basi per un continuum di questa giornata al fine di generare altri eventi, con differenti focus su altre fasi del processo di progettazione, e allo scopo di orientare possibili dinamiche collaborative di fronte a sfide glocali e complesse.