Il bando Smart and Coop edizione 2019 è agli sgoccioli. Tra pochi giorni si conoscerà il nome del vincitore dell’edizione 2019 (qui i vincitori dell’edizione 2018). Smart and Coop è pensato per facilitare l’avvio di imprese cooperative promosso da Fondazione CR Firenze con Legacoop Toscana in collaborazione con Impact Hub Firenze e il Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e la gestione dell’Incubatore (CsaVRI). L’obiettivo è accompagnare lo sviluppo di idee imprenditoriali innovative da realizzare in cooperativa. Sono state scelte 4 idee di impresa e 4 giovani, preparati, motivati e appassionati team che, settimana dopo settimana, abbiamo visto crescere nei nostri spazi di coworking. Abbiamo conosciuto Helix Felix (qui) e G-Move (qui) ora conosciamo gli obiettivi del progetto I Diavolacci nell’intervista a Francesco Bruschi, che forma il team insieme al fratello Leonardo Bruschi e a Lorenzo Ravvolgi.

Come nasce e a cosa si ispira il progetto I Diavolacci?

“Sant’Angelo Rinasce” è il nome del progetto col quale è stata costituita una associazione di promozione sociale e il progetto presentato al bando Smart and Coop intende avviare una cooperativa tra tre aziende agricole, per recuperare e riutilizzare un luogo storico ed i suoi terreni, ”Sant’Angelo a Vico L’abate”. L’idea è far sì che diventi uno spazio di interazione tra agricoltura, allestimento, arte, cultura e attività sociali. Al centro di questa proposta, ci sono i volti, le competenze, le passioni e i sogni di un gruppo di persone che crede nella cura e nella bellezza delle risorse della natura e nella capacità di realizzare se stessi tramite la forza della comunità.

L’ispirazione è nata dalla voglia di unire persone di valore, in un bellissimo luogo dimenticato, dare nuovi orizzonti alle piccole aziende agricole e stimolare il territorio ad una nuova apertura mentale e sociale.

Cosa vi ha dato la partecipazione al bando Smart and Coop?

Un progetto ambizioso come il nostro ha bisogno di partecipare a bandi di finanziamento. L’esperienza da finalisti a Smart and coop ha permesso un confronto, un approfondimento e uno studio del mondo delle cooperative che difficilmente sarebbe stato possibile. In più vivere un habitat come Impact Hub Firenze che unisce imprenditoria e relazioni umane all’interno di un contesto urbano, ci ha permesso di conoscere ed apprezzare lo spazio e la community, che ha accolto con una familiarità che ci ha stupiti.

Adesso vediamo un futuro un po’ più chiaro, fatto di sfide, insidie ma anche portatore di grandi soddisfazioni.

In bocca al lupo ai Diavolacci e che vinca il progetto migliore. La decisione è prevista oggi pomeriggio.