Se tre mesi fa ci avessero chiesto “che faresti, se per colpa di un virus, tu dovessi restare chiuso a casa, ogni giorno, senza avvicinarti a nessun essere umano?”, ci sarebbe sembrato impossibile e avremmo faticato a immaginare una situazione come questa. Ora che il virus, invece, ha bussato alle nostre porte e cambiato radicalmente le nostre vite, personali e lavorative, siamo costretti a reinventare il nostro presente, ma anche – e soprattutto – il nostro futuro.

I nostri hubber, che da sempre condividono uno spazio di lavoro come Hub, relazionandosi, tessendo reti e progettando assieme una moltitudine di attività, sono certamente i primi ad aver risentito di questa particolare situazione. Ma sono anche i primi ad insegnarci che possiamo restare insieme attraverso modi nuovi e soluzioni intelligenti.

Grazie anche al prezioso aiuto e all’attento lavoro della nostra community manager, Impact Hub sta trovando una sua dimensione, rafforzando le relazioni e ridisegnando parte delle sue attività, restando a casa.

Nonostante il coworking di Hub sia aperto e funzionante nel rispetto delle norme vigenti, molti dei nostri coworkers stanno lavorando da casa, in modalità smart, regolarmente connessi alla community e al nostro staff.

Le nostre chiacchiere vis-à-vis, sono diventate videochiamate appassionate.

Il nostro pranzo quotidiano, si è trasformato in un virtual lunch collettivo.

I nostri eventi, sono divenuti rubriche o attività da seguire online.

I nostri aneddoti da bar, si sono trasformati in pensieri costruttivi da condividere via mail.

“Spero che tutto passi presto e che saremo capaci di coltivare le cose buone che abbiamo imparato!”

“Penso che dopo questa crisi “estrema” ognuno di noi, una volta finita, si sentirà libero di fare quello che non aveva avuto il coraggio di fare prima. Immagino tante belle pazzie per celebrare la nuova sensazione di libertà. Voglio usare questo tempo per progettare le mie personali pazzie: la prima? Farmi bionda!”

 

Oggi, che celebriamo la fine di marzo (un mese che probabilmente ricorderemo!) il nostro Sexy Cake si è trasformato in un appuntamento virtuale durante il quale nuovi hubber si sono presentati in videoconferenza alla community, regalando una loro personale ricetta.

La nostra newsletter settimanale – dove segnaliamo opportunità formative, lavorative e di networking offerte dal nostro network – viene affiancata da mail divulgative sulla situazione sanitaria, burocratica e fiscale al fine di tenere aggiornati i nostri hubber e renderli attivi anche in tempi di Covid-19.

Nuovi servizi digitali stanno poi per essere lanciati al fine di tutelare, assistere e incoraggiare chi ha scelto Hub come punto d’incontro per il proprio lavoro.

 

Insomma: in attesa di recuperare un pò di libertà, ci impegniamo ogni giorno per essere vicini ai nostri hubber, con gli strumenti che la rete ci mette a disposizione e con la capacità relazionale che da sempre contraddistingue il nostro Hub. Intanto andiamo avanti…